Attualità
Utenti inferociti

Mail Libero e Virgilio ancora in down: cosa sta succedendo

Escluso l'attacco hacker: i dati di nove milioni di account dovrebbero essere al sicuro

Mail Libero e Virgilio ancora in down: cosa sta succedendo
Attualità 25 Gennaio 2023 ore 12:21

Dalla notte a cavallo tra il 22 e il 23 gennaio 2023 le mail di Libero e Virgilio non funzionano più. A distanza di due giorni e mezzo dal “down” l’azienda annuncia di essere “vicina alla soluzione”. Ad essere bloccati sono circa 9 milioni di account di posta Libero e Virgilio, della società Italia Online. La posta non funziona, non è possibile accedervi - anche per chi ha un account a pagamento per motivi professionali. La buona notizia è che secondo l'azienda non si tratterebbe di un attacco hacker: ciò significa che i dati dei milioni di cittadini coinvolti sarebbero al sicuro.

Mail di Libero e Virgilio ancora  in down

Diego Rizzi, Chief Technology Officer di Italiaonline, rassicura:

"Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto e che non è dipeso da sistemi sviluppati da Italiaonline”.

La posta elettronica risulta bloccata con evidenti problemi e ripercussioni.

 "A partire dalla notte del 23 gennaio 2023 si stanno verificando disservizi sull'infrastruttura a cui fanno capo i servizi web Libero e Virgilio, in particolare la posta elettronica", aveva spiegato la società in una nota.

Successivamente ha confermato di aver individuato il problema e di essere "vicina alla soluzione". Nel messaggio agli utenti rilasciato nelle prime ore di disservizio, oltre alle scuse di circostanza, anche una frase che escludeva categoricamente l’attacco informatico: "Si tratta di un problema di natura tecnico esclusivamente interno, il che significa che escludiamo categoricamente potenziali attacchi hacker e che i dati dei nostri utenti, che sono il bene più prezioso, non sono in pericolo", recitava il messaggio nelle prime ore del disservizio.

Utenti inferociti

L’anomalia riguarda parzialmente la app. Infatti chi ha scaricato sul proprio cellulare la app di Libero mail riesce ad accedervi normalmente e a consultare la cronologia dei messaggi inviati e ricevuti precedentemente. Si riesce anche a mandare messaggi che risultano regolarmente recapitati, ma non arrivano quelli inviati nelle ore del disservizio.

Inutile dire che gli utenti sono inferociti, oltre al disagio a livello personale, infatti, vi sono ripercussioni lavorative non indifferenti davanti a una casella di posta fuori uso da quasi tre giorni. E sui social stanno sfogando in molti la loro rabbia.

Seguici sui nostri canali