Attualità
Tra boat taxi e vaporetti

Il video dei surfisti nel Canal Grande di Venezia, il sindaco mette una "taglia": "Offro una cena a chi li riconosce"

I due sono stati nel pomeriggio, ma chi avrà vinto la cena?

Attualità 17 Agosto 2022 ore 16:35

Si sono alzati alla buon ora, all'alba, per evitare di essere visti da occhi indiscreti ed eseguire in tranquillità le loro acrobazie. Peccato che come location abbiano optato non proprio per il posto più isolato: due "surfisti", si ipotizza di origine straniera, hanno sfrecciato questa mattina, mercoledì 17 agosto 2022, coi loro wakeboard a motore lungo il Canal Grande di Venezia. Il loro passaggio non è passato inosservato e ha scatenato la reazione soprattutto del sindaco Luigi Brugnaro:

"Ecco due imbecilli prepotenti che si fanno beffa della Città… chiedo a tutti di aiutarci. A chi li individua offro una cena!".

Il video dei surfisti nel Canal Grande di Venezia

Hanno sfrecciato a tutta velocità sulle loro tavole a motore, passando tra vaporetti, taxi e barche del trasporto. Una "performance" di una decina di minuti, fatta all'alba, pensando di non essere visti da nessuno. E invece gli è andata male perché il loro passaggio mattutino sul Canal Grande di Venezia non è stato inosservato ed anzi, come raccontato da Prima Venezia, i due "surfisti" sono stati ripresi in un video che è stato subito pubblicato sui social.

IL VIDEO:

Il sindaco mette una "taglia": "Offro una cena a chi li riconosce"

Il filmato, manco a dirlo, è subito arrivato all'attenzione del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, il quale, in men che non si dica, lo ha subito ricondiviso sui suoi profili social per denunciare l'accaduto, utilizzando parole molto forti:

"Ecco due imbecilli prepotenti che si fanno beffa della Città… chiedo a tutti di aiutarci a individuarli per punirli anche se le nostre armi sono davvero spuntate… servono urgentemente più poteri ai Sindaci in tema di sicurezza pubblica!".

Dopo la protesta, poi, la "taglia" messa sulla testa dei due "surfisti" e il premio a chiunque fosse riuscito ad individuarli:

"A chi li individua offro una cena!".

Caso risolto, ma chi ha vinto la cena?

Sul caso dei due "surfisti" nei canali veneziani, nel corso del primo pomeriggio, ci ha pensato sempre il sindaco Brugnaro ad aggiornare i cittadini:

IL TWEET:

A rintracciarli sono stati gli agenti della Polizia Locale. La cena, quindi, non è stata vinta da nessuno, però i due ora rischiano tantissimo: vanno incontro ad una sanzione penale per aver messo a rischio la sicurezza della navigazione lungo il Canal Grande.

Il sindaco contro "abusi" e "cafoni"

Insomma non le ha mandate davvero a dire il primo cittadino di Venezia, Luigi Brugnaro, evidentemente stanco degli "abusi" e dei comportamenti scorretti dei "cafoni". Cafoni che ogni anno, soprattutto in estate (fatte salve le due estati Covid) si recano a Venezia convinti di poter fare qualsiasi cosa. Anche le bravate.

E allora spuntano i tuffatori dai ponti storici, i tifosi in preda all'euforia che si godono le acque dei canali come se fosse permesso (perché non lo è) e pure i turisti che si mettono a prendere il sole (anche in topless). Misura colma per il sindaco che ha espressamente usato toni forti per chiedere alle autorità maggiori poteri.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter