Attualità
Corto circuito

Green pass obbligatorio ai concerti, ma non in chiesa: e se il concerto si tiene in chiesa? Scatta il parapiglia

Uno spettatore ha dichiarato apertamente, in tono di sfida, di non avere il lasciapassare e che non se ne sarebbe andato perché per entrare in chiesa la certificazione non è richiesta.

Green pass obbligatorio ai concerti, ma non in chiesa: e se il concerto si tiene in chiesa? Scatta il parapiglia
Attualità 19 Agosto 2021 ore 11:03

Forse è la primo caso che fa emergere con evidenza un corto circuito normativo legato al nuovo Green pass. Il lasciapassare è obbligatorio per assistere ai concerti, ma non per andare in chiesa. Ma se un concerto viene spostato all'ultimo momento in una chiesa a causa della pioggia, come la mettiamo? Che naturalmente succede il parapiglia... figuriamoci, di polemiche ne abbiamo viste in situazioni ben più lineari.

Green pass obbligatorio ai concerti, ma non in chiesa

Lunedì scorso 16 agosto 2021, in alta Valle Seriana, provincia di Bergamo, era in programma il concerto omaggio a Ennio Morricone di una musicista, Natalia Ratti. Come riporta Prima Bergamo, il concerto doveva tenersi al chiuso, invece causa maltempo s'è deciso all'ultimo di tenerlo nella chiesa di Fiumenero, una frazione di Valbondione.

A pochi minuti dall'inizio, l'imprevisto. Gli organizzatori hanno comunque mantenuto l'obbligo di Green pass per assistere all'esibizione, ma uno spettatore ha dichiarato apertamente, in tono di sfida, di non avere il Green Pass e che non se ne sarebbe andato perché per entrare in chiesa la certificazione non è richiesta.

Se il concerto si tiene in chiesa, scatta il parapiglia

Tra il pubblico c’erano anche altri “abusivi”: alcuni sono tornati a casa a prendere la certificazione per assistere al concerto, altri si sono impuntati nel non volersene andare. A questo punto gli animi si sono accesi. Non tanto nei confronti degli organizzatori, occupati ad abbassare i toni, ma paradossalmente verso le altre persone presenti dotate del Green Pass.

Alla fine, il corto-circuito normativo non è stato risolto e il concerto delle polemiche non s'è tenuto. Sono intervenuti anche il sindaco di Valbondione e i carabinieri e l’esibizione è stata annullata.

LEGGI ANCHE: Niente Green Pass per andare a messa, "libere" anche le processioni