Attualità
24 aprile 2022

Domenica straordinaria Marcia della Pace Perugia-Assisi

E per il 3 maggio, a Roma, in occasione della Giornata mondiale per la Libertà di stampa, presidio dei giornalisti davanti all'ambasciata russa.

Domenica straordinaria Marcia della Pace Perugia-Assisi
Attualità 21 Aprile 2022 ore 18:35

La Marcia della Pace Perugia-Assisi da anni raduna migliaia di persone. Ma questa volta assume un significato davvero particolare, perché mai una guerra ci aveva toccato davvero così da vicino.

Marcia della Pace Perugia-Assisi il 24 aprile

L'edizione 2022 della Marcia della Pace Perugia-Assisi sarà davvero straordinaria. I promotori hanno raccolto l’appello di Papa Francesco lanciato la domenica di Pasqua affinché tutti si mobilitino per fermare la guerra.  Il Pontefice aveva invitato tutti alla mobilitazione  dai balconi e dalle strade per chiedere la pace. E gli italiani (e non solo) hanno subito risposto "presente". Sindaci e scuole hanno già aderito in massa e sono previste decine di migliaia di persone.

Domenica 24 aprile 2022 saranno dunque tantissimi coloro che percorreranno i 24 chilometri del percorso, garantito da tantissimi volontari impegnati a fare la loro parte per un piccolo gesto dal grande significato.

"Meno armi, più politica"

A lanciare un messaggio per la partecipazione, e non solo, è stato anche Flavio Lotti, portavoce del Tavolo per la Pace:

"E' giunto il momento di un atto concreto, e cioè smetterla di investire sulle armi ma farlo sulla politica, che è il vero strumento attraverso il quale possiamo fermare la guerra".

La manifestazione dei giornalisti

Mai come oggi, poi, guerra fa rima con informazione e propaganda. E così anche dalla Fnsi (Federazione nazionale della stampa italiana) parte un messaggio chiaro. Il 3 maggio a Roma, in occasione della Giornata mondiale per la libertà di stampa, verrà organizzato un presidio di fronte all'Ambasciata russa.

Ne ha parlato il presidente Giuseppe Giulietti:

"Solleveremo tutti i cartelli con i  nomi giornalisti uccisi  e di quelli calpestati sotto i talloni di Putin. Leggeremo pagine di Anna Politkovskaja (giornalista russa uccisa nell'ottobre 2006, ndr): noi possiamo farlo perché criticavamo Putin quando molti facevano affari con lui".

Seguici sui nostri canali