Attualità

Con la carta intestata della clinica lancia appelli no-vax: medico licenziato

E da Cuneo a Vicenza medici e farmacisti non la smettono di fare finti tamponi e vaccini.

Con la carta intestata della clinica lancia appelli no-vax: medico licenziato
Attualità 10 Agosto 2022 ore 13:22

In provincia di Treviso è stato licenziato un medico che sulla carta intestata della clinica scriveva: “Non vaccinatevi”. Nel vicentino è stato invece arrestato il dottore che in ambulatorio fingeva tamponi e vaccini. Mentre in provincia di Cuneo un farmacista è nei guai, faceva dei finti tamponi per rilasciare il green pass.

Appello no-vax su carta intestata della clinica

Mentre le Ulss stanno proseguendo con l’appello rivolto agli over 60 e soggetti fragili nell’aderire alla campagna vaccinale, il dottor Pietro Gasparoni, 73enne di Zero Branco (comune trevigiano), endocrinologo molto noto e stimato, ha lanciato un appello contro la quarta dose. Il tutto utilizzando la carta intestata del Centro di Medicina di Montebelluna, la clinica privata in cui opera come libero professionista.

La lettera spara a zero anche contro Zaia che definisce come “infinito, bugiardo e manipolatore”. L'endocrinologo ha poi evidenziato i presunti effetti collaterali del vaccino scrivendo:

“Perché oggi così tanti positivi al SarsCov2? Perché così tanti herpes zoster (fuoco di Sant'Antonio)? Perché così tante tiroiditi di De Quervain, malattia ad eziologia generalmente virale? Perché molte malattie autoimmuni a breve distanza dalle vaccinazioni? E potrei continuare con patologie cardiache anche severe...”

Conclusa la collaborazione

Lunedì 8 agosto 2022 il Centro di Medicina ha preso subito le distanze scrivendo sui social:

Successivamente nel tardo pomeriggio di martedì 9 agosto 2022 la stessa ha reso noto:

“Si informa che a partire dalla data odierna, il dott. Gasparoni cessa la sua collaborazione con Centro di medicina”.

Il dottor Gasparoni ha ribadito la sua posizione e sui social ha scritto :

Finti tamponi e vaccini negli ambulatori a Vicenza

Martedì 9 agosto 2022, i carabinieri di Padova hanno messo agli arresti domiciliari il dottor Giorgio Schiavo Sterzi, medico di assistenza primaria e vaccinatore nel vicentino. A lui vengono contestati i reati continuati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, peculato, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio.

Il 15 marzo 2022 era giunto a oltre 1.461 pazienti a cui erano non erano stati fatti tamponi e non erano stati inoculati vaccini. Tramite intercettazioni telefoniche sono emersi degli elementi univoci riguardo l’attività di simulazione dell'esecuzione dei tamponi antigenici e delle operazioni di vaccinazione.

schiavo terzi
Immagine del dottor Giorgio Schiavo Sterzi

Falsi tamponi per rilasciare il green pass a Cuneo

Un farmacista di Bra è stato messo agli arresti domiciliari per aver registrato tamponi negativi mai effettuati per ottenere il rilascio del Green Pass. Sono state denunciate anche altre 20 persone.

L’indagine è stata avviata a seguito del sequestro di 4 flaconi di vaccino anti-Covid19 scaduti e del rinvenimento di circa 400 siringhe abbinate per la loro somministrazione nel corso di una ispezione.

È stato poi appurato che ripetutamente caricava nella piattaforma del Ministero della Salute – SOGEI -  tamponi negativi mai effettuati che generavano Green Pass fasulli utilizzati anche per andare all’estero.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter