Attualità
LA PROPOSTA DI BRUXELLES

L'inverno del gas: l'Ue vuole abbassare i termostati di 1 grado

Il piano d'emergenza settimana prossima in Commissione.

L'inverno del gas: l'Ue vuole abbassare i termostati di 1 grado
Attualità 14 Luglio 2022 ore 11:02

Clima e ambiente, risparmio e caro bollette: l'Ue corre ai ripari e vuole abbassare i termostati di 1 grado nelle case.

E' quanto è proposto nella bozza del piano dell'Unione europea per quello che è stato soprannominato "l'inverno del gas". Un piano che riguarda sia le case che i pubblici edifici dove l'obiettivo è imporre un "tetto" a 19 gradi.

L'Ue corre ai ripari e vuole abbassare i termostati di 1 grado

Dopo la crisi tra Russia e Ucraina e l'invasione di Mosca, da tempo tutta l'attenzione dell'Europa e del mondo è concentrata sulla questione energetica.

Al reperimento di fonti alternative e al raggiungimento dell'indipendenza energetica dalla Russia. Basti pensare in tal senso alle mosse dell'Italia sia per approvvigionarsi di gas da altri Paesi sia attraverso la disponibilità di rigassificatori al largo di Ravenna.

Perché fondamentalmente l'attenzione è rivolta a quello che come abbiamo detto è stato soprannominato "l'inverno del gas".

Da qui la proposta di abbassare i termostati, non solo per prevenire eventuali situazioni di emergenza, ma anche in un'ottica di risparmio per le tante famiglie alle prese con crisi economica e rincaro delle bollette, ma anche in chiave ambientale e di inquinamento.

"L'inverno del gas", l'obiettivo è risparmiare

Il convincimento dell'Unione Europa delineato nel piano "Risparmiare gas per un inverno sicuro" è che si possano ottenere risparmi sia utilizzando fonti di calore alternative per il riscaldamento sia attraverso "campagne di risparmio di gas mirate alle famiglie per l'abbassamento del termostato di un grado.

Un accorgimento che dall'Europa, da Bruxelles, vorrebbero imporre anche al riscaldamento di edifici pubblici, uffici, edifici commerciali (soprattutto i grandi edifici) a 19 gradi.

Il piano verrà presentato mercoledì 20 luglio

La bozza del piano verrà presentata in Commissione, settimana prossima, mercoledì 20 luglio.

Con tutta probabilità l'Ue inviterà i Governi degli Stati membri a dare incentivi per questo obiettivo.

Il Piano stabilisce i principi e i criteri per una riduzione coordinata della domanda, in particolare a per non rischiare di penalizzare troppo le famiglie e le utenze essenziali: in primis gli ospedali, ma anche le industrie che si occupano di catene di produzione essenziali per l'economia.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter