Attualità
Al suo fianco Demi Moore

Bruce Willis: "Non parla e ha fatto testamento". Scatti prenatalizi con la famiglia allargata

"Tutto ciò che possono fare è dirgli che lo amano e pregare per un miracolo di Natale"

Bruce Willis: "Non parla e ha fatto testamento". Scatti prenatalizi con la famiglia allargata
Attualità 15 Dicembre 2022 ore 17:11

Crescono i timori per le sorti dell'amato attore hollywoodiano Bruce Willis. Secondo i media statunitensi le sue condizioni, dopo l'annuncio di essere stato colpito da afasia a marzo 2022, sono precipitate. La grande famiglia allargata dell'artista, ex moglie Demi Moore compresa, gli è vicino e spera in un "miracolo di Natale".

Bruce Willis sarebbe grave

Il sito 'Radar Online' sostiene che le condizioni della star di "Die hard" sono ulteriormente peggiorate. Parlando dei congiunti di Willis:

"Sanno che non sarà con loro per molto e vogliono passare con lui tutto il tempo possibile. Le ragazze non possono immaginare il Natale senza Bruce. È stato doloroso vederlo peggiorare. Tutto ciò che possono fare è dirgli che lo amano e pregare per un miracolo di Natale", avrebbe detto una fonte vicino alla famiglia.

La fonte avrebbe inoltre riferito che la star non parlerebbe più, faticherebbe a comprendere le altrui parole e avrebbe già fatto testamento.

Bruce e Demi sono stati sposati dal 1987 al 2000 e hanno tre figlie, Rumer, Tallulah e Scout. L'attore ha sposato successivamente Emma Heming, nel 2009, e ha avuto con lei altre due figlie: Mabel e Evelyn.

Dopo le indiscrezioni trapelate dai media è stata l'ex moglie Demi Moore a diffondere via social alcuni scatti prenatalizi con l'ex marito, la nuova moglie, e tutti i figli del divo riuniti intorno a lui.

"Siamo famiglia", la bella didascalia che accompagna gli scatti della "tribu allargata".

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Demi Moore (@demimoore)

Afasia: cos'è?

Willis dopo l'annuncio della malattia si è ritirato dalle scene. Ma cosa comporta questa malattia?

L'Humanitas spiega:

L'afasia è la condizione in cui si perde la capacità di comunicare. Può riguardare sia la capacità di esprimersi sia quella di comprendere il linguaggio, parlato o scritto. In genere compare all'improvviso dopo un ictus o un trauma cranico, ma può anche svilupparsi lentamente insieme a un tumore cerebrale o a una malattia neurodegenerativa. Per trattare l'afasia è necessario trattare le malattie che scatenano il problema. In una seconda fase è necessario affidarsi alla logopedia per recuperare le capacità linguistiche oppure a metodi e strumenti di comunicazione alternativi.

È causata da lesioni delle aree del cervello primariamente deputate all'elaborazione del linguaggio o ad altre aree di connessione con diversi centri del cervello variamente implicati nella funzione. Nelle afasie progressive la cura è problematica, perché si presenta in soggetti con forme di demenze che nel tempo vanno peggiorano e dove non esiste un protocollo di cura.

Bruce Willis: che carriera

L'annuncio del ritiro dalle scene di Bruce Willis ha ovviamente intristito in fan di mezzo mondo, anche perché la sua capacità di virare da ruoli d'azione a parti più comiche, senza perdere smalto neppure in vesti drammatiche, l'ha reso un attore particolarmente versatile e apprezzato da un pubblico eterogeneo.

Forse non tutti sanno che la star è nata in Germania, nel 1955: il padre, infatti, era un soldato americano e la famiglia si trovava nella base militare a stelle e strisce di Idar-Oberstein. Torna negli Usa all'età di 2 anni. Altra curiosità: il debutto sul grande schermo di Willis avviene nel 1978, di fianco a un altro mostro sacro come John Belushi, nel celebre Animal House. Seguono altri film, fino alla consacrazione - nel 1988 - con Trappola di cristallo. Gli anni Novanta sono il decennio d'oro, in cui spazia dal ruolo dell'eroe americano a parti più drammatiche.

Dal 1987 al 2000 è sposato con la collega Demi Moore. Dal 2009 la sua seconda moglie è la modella Emma Heming.

Pochi mesi fa l'annuncio del ritiro dalle scene a causa del progredire della malattia.

I dieci film iconici di Bruce Willis

Willis è stato un attore estremamente prolifico, ecco i suoi 10 film più iconici...con qualche chicca meno mainstream.

Armageddon
Foto 1 di 10

Armageddon - Giudizio finale (Armageddon), regia di Michael Bay (1998)

Die Hard - Trappola di cristallo
Foto 2 di 10

Trappola di cristallo (Die Hard), regia di John McTiernan (1988)

I mercenari
Foto 3 di 10

I mercenari - The Expendables (The Expendables), regia di Sylvester Stallone (2010) - cameo

I protagonisti
Foto 4 di 10

I protagonisti (The Player), regia di Robert Altman (1992) - cameo

Il quinto elemento
Foto 5 di 10

Il quinto elemento (Le cinquième élément), regia di Luc Besson (1997)

il sesto senso
Foto 6 di 10

The Sixth Sense - Il sesto senso (The Sixth Sense), regia di M. Night Shyamalan (1999)

La morte ti fa bella
Foto 7 di 10

La morte ti fa bella (Death Becomes Her), regia di Robert Zemeckis (1992)

L'esercito delle 12 scimmie
Foto 8 di 10

L'esercito delle 12 scimmie (Twelve Monkeys), regia di Terry Gilliam (1995)

Pulp Fiction
Foto 9 di 10

Pulp Fiction, regia di Quentin Tarantino (1994)

sin city
Foto 10 di 10

Sin City, regia di Frank Miller e Robert Rodriguez (2005)

 

 

Seguici sui nostri canali