Attualità
Non è un bel momento...

A fuoco il Tir della Ferrari diretto a Monza per il Gran Premio

Uno dei mezzi della Scuderia ha avuto bisogno dell'intervento dei pompieri. E sul web si scatena l'ironia: "Colpa di una visiera?".

A fuoco il Tir della Ferrari diretto a Monza per il Gran Premio
Attualità 06 Settembre 2022 ore 18:11

La settimana più importante dell'anno in casa Ferrari non inizia nel migliore dei modi. Il Tir del Cavallino Rampante è andato a fuoco all'altezza di Susa, in Piemonte. E, viste le recenti difficoltà delle Rosse, l'ironia (amara) dei tifosi si spreca.

A fuoco il Tir della Ferrari diretto a Monza per il Gran Premio

Per chi crede ai presagi, non sarà certo di buon auspicio. Uno dei camion della scuderia Ferrari in viaggio dall'Olanda (dove si è disputato l'ultimo Gp del Mondiale di Formula Uno) all'Italia ha avuto bisogno dell'intervento dei Vigili del fuoco.

A causare il principio d'incendio è stato un surriscaldamento dei freni, che ha obbligato il mezzo a effettuare una fermata d'emergenza nel parcheggio dell'aeroporto di Susa.

L'intervento dei Vigili del fuoco

A notare il fumo sono stati alcuni agenti della Polizia Stradale, che hanno subito segnalato l'accaduto ai due autisti - di nazionalità britannica - che stavano conducendo il mezzo.

A quel punto sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno raffreddato i cerchi del mezzo, che così è potuto ripartire dopo una sosta durata all'incirca un'ora, scortati dalla Polstrada.

 L'ironia del web

Che il momento per la Rossa non sia eccellente è cosa risaputa, e tra i tanti guai - tra errori del muretto, strategie fallimentari e anche un po' di sfortuna - ci mancava giusto questo. E così, come spesso accade, si è scatenata l'ironia del popolo della Rete.

"Cominciamo bene", ha scritto qualcuno, mentre altri hanno ironizzato sulle recenti sventure: "Colpa di una visiera staccata". Altri si sono invece chiesti beffardamente se sui Tir avessero montato il motore della F1 di Leclerc.

 

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter