Idee per una gita

Ecco dove si trova l'affascinante santuario sospeso costruito su uno strapiombo e affacciato sul vuoto

Nel Veronese, una location circondata da un paesaggio naturale davvero mozzafiato.

Ecco dove si trova l'affascinante santuario sospeso costruito su uno strapiombo e affacciato sul vuoto
16 Aprile 2022 ore 10:53

Nonostante non sia una location canonica dove edificare un luogo di culto, l'immensa spettacolarità del paesaggio naturale circostante lo rende sicuramente una meta affascinante per una gita fuori porta durante il weekend. Suggestivo e silenzioso, ad un'altitudine di 775 metri sul livello del mare, in un incavo scavato nel monte Baldo, nel veronese, si trova un affascinante santuario sospeso costruito su uno strapiombo nel vuoto.

L'affascinante santuario sospeso costruito su uno strapiombo nel vuoto

SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA CORONA:

La sua location inedita lo rende una meta suggestiva e mistica per una gita fuori porta. Il Santuario della Madonna della Corona si trova nella frazione Sprazzi del Comune di Ferrara di Monte Baldo (Verona). Si tratta di un luogo di culto cattolico di silenzio e di meditazione, sospeso tra cielo e terra, celato nel cuore delle rocce del Monte Baldo, costruito in un incavo a 775 metri sul livello del mare.

UNA VISUALE DEL SANTUARIO SOSPESO FATTA CON IL DRONE:

@castelliditalia #Santuario #basilica #madonnadellacorona silenzioso e suggestivo incastonato nella roccia (775 mslm) Già nel 1200 frequentato dai #monaci di #sanzeno e dai #cavalieri di #Rodi #castelliditalia Ph http_alexrm #veneto #verona #heritage #trekking #Italia #Italy #sanctuary #church #nature #sanctuarylife #it ♬ suono originale - Castelli d'Italia

Breve storia del Santuario della Madonna della Corona

Nel XV secolo era un eremitaggio ossia un luogo di residenza di un eremita, mentre la prima chiesa venne inaugurata nel 1530, dopo la visita del vescovo Gian Matteo Giberti. Divenne santuario nel 1625, quando i cavalieri di Malta fecero riedificare la chiesa, che venne poi completata nel 1680. All'inizio il santuario era noto col nome di "Santa Maria di Montebaldo". Nel 1898 si decise di ampliarlo di circa due metri verso il piazzale antistante; fu così che nel 1899 fu rifatta la facciata in stile gotico e decorata con marmi di Sant'Ambrogio.

Nel 1928 furono fatti alcuni ritocchi all'altare maggiore nella nicchia della Madonna. Nell'Anno Santo 1975 iniziarono dei lavori per la ristrutturazione della chiesa, fu scavato nella roccia per ampliarla: da 220 m2 si passò ai 600 m2, ora è lunga 30 m e larga 20 m e la sua cupola è alta 18 m. Le sei Campane alla veronese, in tonalità di Si maggiore, sono state fuse nel 1884. Il santuario fu consacrato il 4 giugno 1978, il completamento della ristrutturazione venne fatto in onore della visita di papa Giovanni Paolo II del 17 aprile 1988 (nel luglio del 1982 lo stesso papa aveva elevato il santuario alla dignità di basilica minore).

All'interno del santuario vi è la Scala Santa, riproduzione della scala che si trova a Roma vicino alla basilica di San Giovanni in Laterano; è la scala dove Gesù salì e discese più volte nel giorno in cui fu flagellato, coronato di spine e condannato alla morte sulla croce, tingendola così con il suo sangue.

TI POTREBBE INTERESSARE: Sulle Dolomiti: la passerella trasparente sulla cascata e il ponte tibetano

Come raggiungerlo a piedi e in auto

Per raggiungere il Santuario della Madonna della Corona ci si deve muovere piedi attraverso un sentiero che parte dal piccolo paese di Brentino Belluno e che sale immerso nel bosco con un dislivello di circa 600 metri, con oltre 1.500 gradini e in due ore di cammino. Ogni anno migliaia di pellegrini lo raggiungono, così come tantissimi turisti, italiani e stranieri. Per ritrovarsi dinanzi alle sue porte d’ingresso è necessario passare attraverso un cammino specifico, decisamente panoramico che viene definito Sentiero della Speranza.

Il sentiero della speranza

Chiunque non fosse interessato a mettersi in cammino attraverso il lungo sentiero, può comunque raggiungere il santuario in automobile o in autobus, un servizio messo a disposizione da qualche anno.

Se arrivate da ovest prendete l’autostrada A4 Milano-Venezia, uscite a Peschiera del Garda e poi proseguite in direzione Spiazzi per 38 chilometri. Se invece provenite da sud, nord o est dovete prendere l’autostrada A22 Brennero-Modena, uscire ad Affi e proseguire in direzione Spiazzi per 20 chilometri. Arrivati a Spiazzi (864 m) trovate un parcheggio asfaltato in pieno centro ed uno sterrato poco sopra. Dal centro paese parte la breve camminata in discesa (circa 15 minuti) per raggiungere il santuario.

Il santuario è aperto tutto il tempo dell’anno con i seguenti orari:

  • Novembre – Marzo: dalle ore 8:00 alle ore 18:00
  • Aprile – Ottobre: dalle ore 7:00 alle ore 19:30

TI POTREBBE INTERESSARE: La spettacolare passerella sospesa nel vuoto sopra il lago di Lecco

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter